(Misura: 3.2.1 "Avviamento dei servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale" Sottomisura a), azione 1/d "avviamento dei servizi informativi e telematici ai cittadini")
FONDO EUROPERO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE: L'EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI
SERVIZIO AL CITTADINO

vai al sito

Cosa fare

Il grande anello dei Sibillini

Vai al sito

Escursioni di ogni tipo per ogni weekend

Il grande anello dei Sibillini

Il Grande Anello dei Sibillini è un percorso escursionistico di circa 124 Km che abbraccia l’intera catena montuosa. Articolato in nove tappe, è completamente segnalato e permette di conoscere, oltre alla molteplicità di paesaggi e bellezze naturali, parte dell’inestimabile patrimonio storico culturale che questo territorio conserva. Per una migliore fruizione del Grande Anello, il Parco ha provveduto alla ristrutturazione di rifugi escursionistici.

Sentiero Natura

Vai al sito

Scoprendo nuovi luoghi e nuovi posti

Un mondo antico

Questo sentiero ci vuol far scoprire, attraverso i centri abitati, i muri delle case e gli stemmi dei portali, un passato che è giunto intatto sino a noi. Esso ci guida poi all’osservazione, dall’alto del Colle della Torre, del piccolo ma suggestivo borgo di Visso posto all’incrocio di ben cinque valli.

SCOPRI ALTRI ITINERARI

Ultime comunicazioni

Raccolta differenziata porta a porta


  • Indirizzo Comune: Largo G.B. Gaola Antinori, 1 - 62039
  • N° Tel. Centralino: 0737 95421
  • Ufficio Ambiente: Comune di Visso
  • Indirizzo: Largo G.B. Gaola Antinori, 1 - 62039
  • Orario di Apertura: Momentaneamente Non Disponibile
  • Referente: Momentaneamente Non Disponibile
  • Telefono: 0737 95421 - M 335 7276238 - M 335 7276239
  • Fax: 0737.95422
  • Modalità di Conferimento:
    Se abiti nel Capouogo, Villa Sant'Antonio e Borgo San GIovanni:
     
    Modalità Conferimento Raccolta Porta a Porta
     
    ATTENZIONE!
    Se abiti nelle Frazioni:
    Aschio, Cupi, Macereto, Pontechiusita, Chiusita, Mevale, Rasenna, Rio Freddo, Fematre, Croce e Orvano 
    devi conferire i rifiuti utilizzando gli appositi contenitori colorati per ogni tipologia di rifiuti.
     
  • Raccolta Effettuata da: Cosmari
  • Indirizzo Centro di Raccolta: Via Roma - Visso
  • Orario Centro di Raccolta:
    Aperto al pubblico:
    Martedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00
    Venerdì dalle ore 09.00 alle ore 12.00
    Sabato dalle ore 09.00 alle ore 12.00  e dalle ore 15.00 alle ore 18.00
  • Distribuzione Sacchetti:
    I Sacchetti saranno distribuiti insieme al materiale informativo direttamente a casa propria, in fase di avvio del servizio. Inoltre saranno disponibili presso il Comune: Ufficio Polizia Municipale.
     
    La fornitura dei sacchetti è gratuita.
  • Raccolta Domiciliare Ingombranti:
     
    Momentaneamente non disponibile
     
  • Raccolta Domiciliare del Verde: Il verde, le ramaglie, le potature, gli sfalci possono essere conferiti in modeste quantità, legati in fascine oppure contenuti in sacchetti trasparenti o neri resi riconoscibili dalla scritta “Erba”, per essere posizionati di fianco ai cassonetti dell’umido, nelle serate di DOMENICA e MERCOLEDÌ.
  • Infopoint Turisti: Momentaneamente Non Disponibile
  • Contenitori Medicinali: In tutte le farmacie della città
  • Contenitori Batterie: Presso i rivenditori
  • Contenitori Oli Vegetali Esausti: Gli oli vegetali esausti, provenienti dalla conservazione o dalla frittura degli alimenti devono essere conferiti nei contenitori stradali “Olivia”
 

 

Poeta, mazziniano, patriota, entrò nelle file garibaldine fino a diventare capitano nello Stato Maggiore; partecipò alla difesa della Repubblica Romana nel 1849 e poi alla II Guerra d'Indipendenza. Nei documenti della polizia pontificia, che continuava ad arrestarlo, era citato come il poeta pastore per la sua facilità ad improvvisare rime.Tanto significativo il suo status di improvvisatore che l'interrogatorio seguito all'arresto (21 marzo 1850) si risolve da un lato nella trascrizione della citazione a memoria di un suo componimento in terza rima, 23 strofe in lode di Pio IX (Oh Italia, Italia, dolce suol natio), dall'altro nel minuzioso resoconto di alcuni contesti e protocolli performativi. Tutto volto, ovviamente, a dimostrare la totale estraneità del Rosi stesso rispetto agli ambienti radicali capitolini ed ai fatti imputatigli.

Personaggi e storie

  • La Battaglia del Pian Perduto

    Il ricchissimo e originale patrimonio culturale dei Sibillini, in cui primeggia certamente il mito della Sibilla, comprende infinite altre “narrazioni”, altre storie, altre leggende, prodotte dal territorio. Tra queste s’inserisce a pieno titolo il racconto degli avvenimenti connessi alla “Battaglia del Pian Perduto”, una vicenda storica molto nota nella piana di Castelluccio e nella valle del Nera ma pressoché sconosciuta nel resto della regione. Si tratta di un episodio avvenuto il 20 luglio del 1522 che ha segnato il punto culminante di antiche controversie territoriali con la città di Norcia e si riferisce ad un pascolo perduto da Norcia e conquistato da Visso e le sue Guaite (Ussita e Castelsantangelo sul Nera). Ma la questione di particolare interesse è che l’intera vicenda è narrata in uno straordinario poemetto di 116 ottave, creato nell’antico linguaggio delle nostre zone da un pastore­poeta contemporaneo ai fatti, certo Berrettaccia di Castelsantangelo, che descrive in modo suggestivo, non scevro da accenti ironici e talvolta comici, la controversia che sfocerà nella battaglia e come i vissani riuscirono a prevalere benché inferiori di numero. "Ciorro gualdese da bisogno mosso, di Canetra nel bosco taglia un legno, di Norcia il guardian gli corre addosso, ma il bravo Ciorro lo fa stare a segno: Ogni norcin da questo fatto scosso, d’armarsi contro Visso fa disegno..."

  • La Maga Sibilla

    La Sibilla Appenninica non rientra tra le dieciSibille dell'epoca classica riportate da Marco Terenzio Varrone, nonostante le prime fonti su questa figura risalgano all'inizio dell'era imperiale. Un primo riferimento storico riconducibile alla Sibilla Appenninica si trova nella Storia dei Cesari di Svetonio, che, a proposito di Vitellio, accenna ad una veglia negli Appennini tenuta prima del suo ingresso a Roma nel 69 . Con l'avvento del Cristianesimo, l'origine pagana della Sibilla ne provocò un'interpretazione demoniaca, che è evidente nel romanzo cavalleresco Il Guerrin Meschino, scritto da Andrea da Barberino. In questo racconto, ambientato nell'anno 824, un cavaliere si reca presso la Grotta della Sibilla, sui monti Sibillini, per conoscere l'identità dei suoi genitori, ma la Sibilla lo trattiene tentandolo a peccare e rinnegare Dio. Questa interpretazione infernale è progressivamente incupita nelle successive versioni del romanzo, stese nel periodo dell'inquisizione (come quella del 1785 pubblicata a Venezia), nelle quali la figura della Sibilla è addirittura sostituita da quella della Maga Alcina. La fama della Sibilla era tale che Agnese di Borgogna inviò Antoine de La Sale a visitare la sua grotta il 18 maggio 1420. Da questa visita nasce Il Paradiso della Regina Sibilla, il diario di viaggio nel quale riporta disegni particolareggiati e descrizioni della grotta. Sulla più antica trama della leggenda della Sibilla Appenninica, a cui si erano ispirati sia Andrea da Barberino sia Antoine de La Sale nel XV secolo, nacque in Germania, sin dalla fine del Trecento, la leggenda del valoroso cavaliere Tannhäuser che si reca a Monte Sibilla, chiamato Venusberg, (Monte di Venere) e dopo essere stato per un anno tra le braccia di Frau Venus, da cui il nome Frau Venus Berg per la grotta, si reca dal Papa Urbano IV per avere l’assoluzione dai suoi peccati. Non la otterrà e ritornerà fra le braccia della sua tanto amata Venere. Il finale nella rielaborazione tedesca della leggenda s’inverte rispetto a quello del Guerrino e il Papa sarà condannato per l’eternità. È alla variante Tedesca della leggenda della Sibilla Appenninica e particolarmente all’eros trionfante nel finale che si ispirò Wagner per il suo Tannhäuser. Secondo la tradizione locale, la Sibilla è una fata buona, veggente ed incantatrice, ma non perfida o demoniaca circondata dalle sue ancelle che scendono a valle per insegnare a filare e tessere le lane alle fanciulle del posto.
  • Pietro Capuzi

    Prese parte alla Prima guerra mondiale da cui tornò ferito e dopo l'8 settembre 1943, si diede all'organizzazione della resistenza, riuscendo a costituire a Visso un importante centro di guerriglia partigiana. Amico di Sandro Pertini e di Carla Voltolina, fu commissario politico della Brigata Spartaco, ed entrò a far parte del comando umbro­marchigiano delle Brigate Garibaldi. Sfuggì più volte ai tedeschi, che avevano messo sulla sua testa una forte taglia, ma fu catturato mentre stava compiendo una missione ispettiva. Dopo essere stato barbaramente torturato, fu fucilato in località Vena d'Oro di Ussita. Dopo la sua morte la Brigata Spartaco si riorganizzò e si fuse al Gruppo 202, formando il Battaglione Capuzi di stanza a Fiastra (Mc). Sul luogo della sua morte è stato edificato un monumento e a Pietro Capuzi è stata intitolata una targa commemorativa affissa sulla sua casa di Visso, un'omonima piazza a Visso, una strada di Macerata e la sezione ANPI dell'Alto Nera. Partigiano combattente, è stato insignito della Medaglia d'oro al Valor Militare alla memoria.

  • Paolo da Visso

    Originario di Aschio, antico possedimento del feudatario di Norcia, ceduto al comune di Visso nel 1255 e integrato nella Guaita Pagese, ora piccola frazione dello stesso comune, Paolo di Giovanni da Visso rappresenta la più importante personalità pittorica del territorio. Attivo tra il 1431/ 35 e il 1482, di lui si conoscono diverse opere distribuite tra Marche e Umbria (Castelsantangelo sul Nera, Visso, Pievetorina, Ussita, Montecavallo, Fiordimonte, Cascia e Norcia) delle quali una sola reca la sua firma: una piccola tavola su cui è rappresentata una Madonna in Trono con Bambino, realizzata per la chiesa di S. Maria dell’Oro a Terni, poi entrata a fdar parte della collezione de Musèe du Pètit Palais ad Avignone. L’artista compì il suo apprendistato in Umbria, presso la bottega di un maestro probabilmente folignate, in seguito, nel 1455, organizzò una propria bottega a Visso. Nella sua pittura si riconoscono influenze provenienti dalle esperienze dei maestri della Valnerina, dei pittori camerinesi, Arcangelo di Cola, Giovanni Boccati, Gioralamo di Giovanni e Angelo Antonio, e soprattutto nell’ultimo periodo della sua produzione, della pittura senese di Stefano di Giovanni, detto il Sassetta, e di quella veneta, mediata dalla straordinaria figura di Carlo Crivelli. Tra le opere più significative, oltre alla già menzionata Tavola d’Avignone, si possono ricordare: la Madonna del Voto, il Polittico di Nocelleto, entrambi conservati nel Museo Civico e Diocesano di Visso, la pala di Ascoli Piceno con lo Sposalizio Mistico di S. Caterina,San Bartolomeo e San Giovanni Battista alla Galleria Nazionale di Praga, Madonna in trono con Bambino affrescata nel Palazzo dei Priori di Visso. Suoi allievi furono Tommaso di Pietro da Visso, autore della Madonna con Bambino, S. Stefano e S. Michele Arcangelo, realizzata per la sala pubblica della Guaita di Castelsantangelo, Luca Raimondo e Benedetto di Marco di Castelsantangelo.
  • Giuseppe Rosi - poeta pastore

    Poeta, mazziniano, patriota, entrò nelle file garibaldine fino a diventare capitano nello Stato Maggiore; partecipò alla difesa della Repubblica Romana nel 1849 e poi alla II Guerra d'Indipendenza. Nei documenti della polizia pontificia, che continuava ad arrestarlo, era citato come il poeta pastore per la sua facilità ad improvvisare rime.Tanto significativo il suo status di improvvisatore che l'interrogatorio seguito all'arresto (21 marzo 1850) si risolve da un lato nella trascrizione della citazione a memoria di un suo componimento in terza rima, 23 strofe in lode di Pio IX (Oh Italia, Italia, dolce suol natio), dall'altro nel minuzioso resoconto di alcuni contesti e protocolli performativi. Tutto volto, ovviamente, a dimostrare la totale estraneità del Rosi stesso rispetto agli ambienti radicali capitolini ed ai fatti imputatigli.