(Misura: 3.2.1 "Avviamento dei servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale" Sottomisura a), azione 1/d "avviamento dei servizi informativi e telematici ai cittadini")
FONDO EUROPERO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE: L'EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI
SERVIZIO AL CITTADINO

vai al sito

MADONNA CON BAMBINO

 

È l’unica tra le madonne dell’ambito del maestro di Macereto che presenti il bambino nudo in piedi, una significativa variazione che si discosta dal prototipo del pezzo eponimo. Questo può anche spiegare il sentimento diverso che emana dal gruppo scultoreo, in cui,  più che da una premonizione del destino della morte del Figlio, sembra volersi affermare l’umanità e la presenza fisica di Dio sulla terra, dimostrate attraverso la nudità del suo corpo. Tra i prototipi illustri (). Lo svolgimento ampio e voluminoso del panneggio rafforza la sensazione di maggiore immanenza fisica di questa scultura rispetto ad altre simili, mentre le due figure sembrano aprirsi verso lo spettatore anziché cercare un abbraccio protettivo come nella più celebre statua di Macereto. 

Madonna col Bambino
Bottega o ambito del Maestro della Madonna di Macereto
Legno di pioppo scolpito e dipinto con tracce di foglia metallica.

È l’unica tra le madonne dell’ambito del maestro di Macereto che presenti il bambino nudo in piedi, una significativa variazione che si discosta dal prototipo del pezzo eponimo. Questo può anche spiegare il sentimento diverso che emana dal gruppo scultoreo, in cui,  più che da una premonizione del destino della morte del Figlio, sembra volersi affermare l’umanità e la presenza fisica di Dio sulla terra, dimostrate attraverso la nudità del suo corpo. Tra i prototipi illustri (). Lo svolgimento ampio e voluminoso del panneggio rafforza la sensazione di maggiore immanenza fisica di questa scultura rispetto ad altre simili, mentre le due figure sembrano aprirsi verso lo spettatore anziché cercare un abbraccio protettivo come nella più celebre statua di Macereto. L’opera è in gran parte ottenuta da un unico grande tronco probabilmente di pioppo, con il retro scavato a colpi d’ascia ancora perfettamente distinguibili. Probabilmente la Madonna in origine su di un tronetto simile a quello ancora conservato a Macereto, che si ripete anche nella versione di Collescille. Il recente restauro ha liberato la superficie delle pesanti e sfiguranti ridipinture, distese anche in tempi recenti forse con il tentativo di arginare il disfacimento della statua, dovuto a un massiccio attacco di insetti xilofagi. Soprattutto il basamento e la parte bassa del panneggio, caratterizzato da raffinate occhiellature, si stavano disintegrando, col distacco di consistenti pezzi del legno. Tale situazione, comportando la totale caduta del dolore sulla pedana, non permette di stabilire con certezza se questa fosse in origine decorata da finto marmo come negli altri casi noti.

 

Fonte:

Rinascimento scolpito Maestri del Legno tra Marche e Umbria, Raffaele Casciaro

 

TIPOLOGIA

Lo scopo dell’utilizzo del Lorem Ipsum è che offre una normale distribuzione

INDIRIZZO
Lo scopo dell’utilizzo del Lorem Ipsum è che offre una normale distribuzione

ANNO
Lo scopo dell’utilizzo del Lorem Ipsum è che offre una normale distribuzione

OPERE NELLE VICINANZE

Scopri

made with love from Joomla.it